Introduzione del timbro a doppio cerchio con sigla - Cap. X°

03/08/2020 Oliviero Emoroso Storia postale

I NUOVI TIMBRI

Occorre completare la panoramica con la descrizione  del nuovo tipo di timbri in dotazione agli uffici postali a partire dal 1900, i c.d. doppi cerchi con sigla.

Per sigla si intende il grande numero, eventualmente affiancato da lettere, collocato in basso. Il numero sta ad indicare l’Ufficio postale; le lettere servono a distinguere il bollo in dotazione a ciascun impiegato.
In alto campeggia la scritta “Fiume”.

Scritta ed eventuali lettere, sono tutte in stampatello maiuscolo, comprese tra il cerchio esterno e quello interno.

Quest’ultimo risulta interrotto, oltre che dallo spazio destinato al grande numero in basso, anche dalla fascia destinata al datario.

La lunetta superiore è occupata da un tratteggio, al centro del quale è posta la corona ungherese. Le due semilunette inferiori sono anch’esse tratteggiate.

I TRE DIVERSI TIPI E LE RISPETTIVE CARATTERISTICHE

In base alla dimensione ed alle caratteristiche specifiche si possono distinguere tre tipi diversi.

Il primo, in uso a Fiume 1/Posta centrale (Immagini X 47, X 48 e X 49), a Fiume 2/Stazione (Immagine X 50) ed a Fiume 6/Drenova (Immagine X 51), ha diametro di 29 millimetri scarsi.

Il ponte, cioè la fascia centrale, contenente il datario, dell’altezza di mm. 9, è delimitata da due linee rette che arrivano a toccare il cerchio esterno.

Sono sempre presenti ai lati del numero, che contraddistingue l’ufficio postale, le lettere riferite all’impiegato al quale il timbro è in dotazione.

All’apertura, tuttavia, l’ufficio di Fiume 6 utilizzava un bollo del III° tipo, leggermente più grande, in cui il ponte arrivava al cerchio interno ed il datario comprendeva solo anno mese e giorno (Immagine X 52).

Il secondo tipo, in uso a Fiume 3/Cantrida (Immagine X 53),  e Fiume 4/Giardino, (Immagine X 54),  è come il precedente, ma ha diametro, leggermente minore, di circa 28  ed è sprovvisto di lettere ai lati del numero che contraddistingue l’ufficio postale, circostanza attribuibile al fatto che nell’agenzia operava un solo addetto.

In origine, anche Cantrida, in verità, utilizzava un timbro del terzo tipo, leggermente più grande (Immagine X 55), benché munito di lettere ai lati del numero dell’ufficio.

Altrettanto dicasi per Fiume 4 Giardino, che, tuttavia mantiene la sigla priva di lettere (Immagine X 56).

In entrambi i tipi, il datario è così composto: anno, indicato da tre sole cifre, tralasciando l’uno di mille, mese, indicato dalle tre lettere iniziali, giorno; segue la lettera “N”, o, raramente, la “E” accentata ed un numero da 1 a 12.

Il terzo ed ultimo tipo di impronta, infine, venne utilizzato nell’agenzia di Fiume 5/ Belvedere (Immagine X 57), dove vi era un solo gerente; esso ha diametro di circa 31 mm., mancano le lettere a fianco del numero dell’ufficio postale, le linee delimitanti il ponte sono contenute nel cerchio interno ed il datario indica soltanto anno mese e giorno, essendo privo, in coda, della lettera E o N e dell’ora.

Al momento dell’aperture dei nuovi uffici, Fiume 3, Fiume 4 e Fiume 6, come già precisato, ebbero timbri di tipo simile, poi abbandonati per quelli sopra descritti.

LE LETTERE DELLA SIGLA

Sul significato della lettera combinata dalle cifre da 1 a 12 si è già avuta occasione di riferire altrove, come esse facciano riferimento al turno di lavorazione.

Non è mai stato mai stilato un elenco certo degli annulli esistenti nel periodo ungherese e cioè sino all’occupazione interalleata del 1918, in base alle lettere poste a lato del grande numero che denota l’ufficio postale.

E’ probabile che siano state tutte le lettere dell’alfabeto, alcune di tipi differenti per dimensione e persino alcune combinazioni di due lettere.

Degli uffici minori sono conosciuti il Fiume 2 con lettere “A”, “B” e “C”, il Fiume 6 con le lettere “A” e “B”.


----------------------
(Immagine X 47) – Cartolina postale ungherese da 4 filler, con affrancatura aggiuntiva 6 filler, per la Francia, bollata con il doppio cerchio (Fiume 1 Posta centrale), con siglia.
(Immagine X 48) – 20.7.1902 Lettera per l’Italia, affrancata con 25 f. annullato con il doppio cerchio (Fiume 1 Posta centrale), con siglia.
(Immagine X 49) – 20.12.1912 Biglietto postale ungherese da 6 filler con affrancatura aggiuntiva multicolore per la Svizzera annullato con il doppio cerchio (Fiume 1 Posta centrale), con siglia. Si noti la maggiore dimensione della U rispetto all’immagine precedente.
(Immagine X 50) - …04.1908 Lettera per la Germania affrancata con francobollo ungherese da 10 filler annullato con doppio cerchio e sigla di Fiume 2 Stazione ferroviaria.
(Immagine X 51) – 21.09.1918 Cartolina illustrata in franchigia spedita dall’ospedale militare di Fiume e bollata con il doppio cerchio con sigla B6B del I° tipo.
(Immagine X 52) – 1.11.1915 Cartolina illustrata in franchigia spedita dall’ospedale militare di Fiume e bollata con il doppio cerchio con sigla del III tipo, senza lettere.

(Immagine X 53) – Immagine del timbro a doppio cerchio con sigla e lettere di Fiume 3 Cantrida

(Immagine X 54) – 10.04.1909 Intero postale da 10. f., raccomandato, con affrancatura aggiuntiva da 35 f., annullato con bollo a doppio cerchio del II° tipo.

(Immagine X 55) – 10.02.1909 Ricevuta di telegramma con francobollo ungherese da 10 f. annullato con timbto a doppio cerchio del III tipo con sigla e lettere A3A dalla posta di Cantrida

(Immagine X 56) –  26.02.1902 Lettera raccomandata per l’estero, affrancata con francobolli ungheresi per complessivi 50 f. annullati con il doppio cerchio con sigla senza lerttere del III° tipo.

(Immagine X 57) – 23.03.1916 Cartolina postale in franchigia per militari spedita dall’incrociatore corazzato Kaiser Karl VI a Fiume 5. Qui bollata con il doppio cerchio con sigla senza lettere del III° tipo.

 

Con il capitolo X° sospendiamo le pubblicazioni del lavoro, che si compone, ricordo, di 16 capitoli. Gli ultimi quattro capitoli, sugli annulli ambulanti e sulla posta per mare, verranno pubblicati dal 14 settembre. Buone vacanze!